Sito Ufficiale di Filippo Bonfiglietti

Cercare la verità è un esercizio difficile e spesso inutile. Dire la verità è un esercizio ancora più difficile, spesso più inutile e a volte pericoloso. Eppure, senza conoscere la verità nascosta dietro le apparenze e senza diffonderne la conoscenza, innumerevoli fatti del mondo non significano nulla. E innumerevoli problemi e problemini non possono essere risolti.
Prendete gli incendi nei boschi e le loro cause. Per decenni, almeno in Italia, tutte le volte che si sviluppava un incendio in un bosco i giornali dicevano che erano dovuti ad autocombustione: che, palesemente, alle nostre temperature non esiste neppure in luglio. Poi sono passati a raccontarci che sono incendi dolosi: così ce la prendiamo con l'incendiario e non si risolve nulla. La verità – forse, perché ogni verità va studiata e approfondita – è che innumerevoli incendi nei boschi sono causati da sprovvedutezza e incuria. Per incendiare un bosco occorre una fiamma. E questa, salvo i rari casi in cui sia prodotta da un fulmine o da un vulcano, è portata dall'uomo. Il quale si diletta di accendere falò per mille ragioni: per cucinare, per riscaldarsi o semplicemente per bruciare detriti vegetali. Il falò, se si alza il vento, può essere ingestibile e indomabile: ed ecco l'incendio. Che può svilupparsi anche se si crede di avere spento il fuoco e ci si è allontanati senza esserne sicuri. Dunque, in tutti questi casi, l'incendio del bosco ha una sola causa: la cretineria umana. E se non si cura questa, il pericolo continua e cresce. Ma poi succede che, una volta sviluppato l'incendio, frammenti di combustibile ardente possono essere portati dal vento a distanza di chilometri. E allora il popolo dice: "visto che l'incendio è stato causato da piromani, avete visto quanti ce ne sono in giro?" E invece anche questo era sbagliato (vedi articolo: "Fuoco nei Boschi").
L'assenza di ricerca della verità provoca infiniti inconvenienti: i guai dovuti ai fanatismi religiosi e razziali, quelli dovuti agli equivoci politici, sono dovuti all'accettare spiegazioni insufficienti e bugiarde. Come quelle che hanno attribuito tutti i mali del mondo agli ebrei, ad altri popoli, ad altre etnie e ad altre religioni. Ne sono derivate guerre e massacri. I guai dovuti al non capire l'essenza delle centrali nucleari hanno la stessa radice e quelli dovuti agli equivoci ambientali pure.
Noi, nel nostro piccolo e nel piccolo dei problemi che affrontiamo di volta in volta, cerchiamo proprio qualche verità. In buona fede e senza essere convinti di riuscirci ogni volta: tuttavia ci proviamo.
Questo è il senso di certi articoli, questo è il significato di certi libri come "Condizionati a Credere".




Condizionati a Credere
Condizionati a Credere
Ormea - Le Dolomiti delle Alpi Liguri
L'ultimo libro disponibile:
"Ormea - Le Dolomiti delle
Alpi Liguri"
Filippo BONFIGLIETTItel: 019 668 651 email: filippo@bonfiglietti.net